Go to Top

Match Program | 25ª – Taranto-Foggia

PREVIEW

Secondo derby consecutivo del girone di ritorno per il Taranto che ospiterà la capolista del girone, il Foggia, una delle compagini accreditate a inizio campionato per la promozione diretta in serie B. Squadra con un rendimento ottimale in casa (30 punti) e fuori (20 punti), il Foggia mantiene meritatamente la prima posizione di classifica, già occupata a inizio campionato grazie a 6 vittorie nelle prime 6 giornate. 50 i punti totali, frutto di 14 vittorie, 8 pareggi e 2 sconfitte con 45 reti all’attivo e 20 al passivo. Ottimo il cammino tra le mura amiche che ha prodotto 9 vittorie, 3 pareggi e 1 sconfitta, con 29 reti fatte e 8 subite. Ottimo anche il rendimento esterno dove i satanelli hanno 5 successi, 5 pari e 1 solo ko, con 16 gol fatti e 12 subiti. Le 5 vittorie esterne sono state ottenute contro: Siracusa (2-1 alla 2ª), V. Francavilla (1-0 alla 4ª), Messina (2-1 alla 5ª), Melfi (3-1 alla 18ª) e Vibonese (3-1 alla 22ª). Altrettanti i pari esterni, registrati contro Matera (1-1 alla 7ª), Lecce (0-0 alla 11ª), Paganese (1-1 alla 13ª), Reggina (1-1 alla 16ª) e Fidelis Andria (0-0 alla 20ª), mentre l’unico ko è stato l’1-4 subito a Castellammare di Stabia contro la Juve Stabia alla 9ª giornata. L’ultimo successo esterno rossonero è stato il netto 3-1 sul campo della Vibonese alla 22ª, l’ultimo pareggio l’1-1 contro la Fidelis Andria della 20ª, l’ultimo e unico ko quello del “Menti”.

Società dal passato glorioso, il Foggia è stata la seconda squadra pugliese, dopo la Bari, a raggiungere cronologicamente la massima serie, visitata per 11 volte complessivamente. Il miglior piazzamento in serie A è stato il 9° posto, ottenuto per 3 volte nelle stagioni 1964-65, 1991-92 e 1993-94. Le partecipazioni alla serie cadetta sono state 25 nelle quali ha ottenuto il miglior piazzamento, il 1° posto, nella stagione 1990-91, in piena era Zemanlandia. Oltre a quella del 1990-91, i dauni hano ottenuto altre 4 promozioni in serie A: nel 1988-89 classificandosi al 2° posto, nel 1963-64, nel 1972-73 e nel 1975-76 chiudendo al 3° posto. Trentanove i campionati di terza serie, compreso l’attuale, disputati dalla squadra foggiana nella sua lunghissima storia. Il miglior piazzamento è stato il 1° posto ottenuto 3 volte, con conseguente promozione in B, nelle stagioni 1932-33, 1959-60 e 1961-62; l’altra promozione in B fu ottenuta nella stagione 1979-80, chiusa invece al 2° posto. Cinque le partecipazioni in C/2 nelle quali il miglior piazzamento è stato il successo del campionato nel 2002-03. Sette i campionati disputati in quarta serie, con una promozione in serie superiore per ripescaggio in due circostanze: nel 1957-58 dal 7° posto, nel 2012-13 dal 5° posto (perse la finale play off contro il Matera). Il Foggia vanta anche la vittoria di due edizioni della Coppa Italia di serie C nelle stagioni 2006-07 e 2015-16.

Ruolino pessimo quello del Taranto fra le mura amiche, dove ha ottenuto due vittorie, 2-0 alla Fidelis Andria e 2-0 al Melfi, sei pareggi, contro Matera (1-1), Siracusa (0-0), Catania (0-0), Messina (1-1), Juve Stabia (0-0) e Casertana (0-0) e 4 sconfitte, 0-2 contro il Fondi, 2-3 contro la V. Francavilla,  0-1 nel derby con il Lecce e 0-3 contro il Cosenza. I punti raccolti in casa sono stati solo 12 e costituiscono la 18ª prestazione del girone e 52ª assoluta in Lega Pro. Decisamente negativo anche il computo delle reti fatte in casa: con 8 gol quello rossoblù è il 19° attacco del girone e  56° della lega Pro, meglio solo di Vibonese (7), Tuttocuoio (7), Lumezzane (6) e Fano (6). L’ultima vittoria interna risale alla 17ª di campionato, 2-0 al Melfi del 6 dicembre scorso, l’ultimo pari interno è stato lo 0-0  con la Casertana della 23ª, mentre l’ultimo tonfo interno è stato lo 0-3 subito con il Cosenza alla 21ª.

I PRECEDENTI IN CAMPIONATO

Classica di terza serie, il match tra Taranto e Foggia vanta ben 65 precedenti in campionato, solo 2 in meno di quelli tra il Taranto e il Lecce (67 e record assoluto), spalmati tra B (22), C (39, la maggior parte), C/2 (2), e serie D (2). Il bilancio globale è favorevole ai rossoblù, che hanno ottenuto 27 vittorie, 20 pareggi e 18 sconfitte, realizzando 101 reti contro le 70 dei dauni; trend confermato in riva allo Ionio, dove i locali vantano 18 vittorie, 9 pareggi e 5 sconfitte con 65 reti realizzate a fronte delle 30 subite. Bilancio casalingo favorevole ai dauni: 10 vittorie rossoblù, 11 pareggi e 12 successi dei satanelli, avanti per 40 reti a 36. Le diciotto vittorie interne del Taranto (solo col Cosenza hanno fatto meglio i rossoblù, 20) sono state spesso ottenute con punteggi larghi: 7-2 nel 1927-28, 6-1 nel 1940-41, 5-0 nel 1941-42, tre 4-0, un 4-1, un 3-1 e due 2-0 (1980-81, 2006-07). Otto vittorie di misura, quattro 1-0 e quattro 2-1. Dei 9 pareggi totali, tre sono stati 0-0, mentre le 5 vittorie dei satanelli in riva allo Ionio sono giunte per 4-2 nel 1932-33, per 1-0 nel 1969-70, per 2-0 nel 1990-91, per 3-1 nel 2003-04 e per 2-1 nel 2012-13. L’ultima vittoria interna del Taranto contro i rossoneri risale al 2-1 del 2011-12 in Prima Divisione girone A, con reti di Coly e Giorgino per i locali, rigore di Gigliotti per gli ospiti. L’ultimo pari allo “Iacovone” è stato lo 0-0 del 7 marzo 2010 mentre è più recente l’ultimo successo dei dauni, risalente al 2012-13 in D con doppietta di Giglio (Cosa per il Taranto).  Il cannoniere-principe della sfida è il rossoblù Luigi Molinari (bomber degli anni ’40) che ha messo a segno ben 7 reti, grazie anche a due doppiette. Seguono, a quota 4, i due rossoblù Martino Castellano e Colaussi, quest’ultimo autore di due doppiette. Tante le autoreti tra le due squadre, ben 7, di cui cinque a favore del Foggia e due pro-Taranto: tra le pro-Foggia la più spettacolare fu quella di Gino Cossaro, autore di un pallonetto beffardo ai danni del proprio portiere Spagnulo in Taranto-Foggia 0-2 del 30 dicembre 1990. I migliori marcatori per il Foggia (11) sono a quota due e hanno tutti realizzato una doppietta: Belotti, Pavanello, Lotti, Ferrante, Catalano, Di Fonte, Di Fonte, Giglio, Germinale, Messina e Rambaudi. I doppiettisti del Taranto sono 12 e due di loro hanno due doppiette a testa: Palmisano, Montaldo, De Lorenzo, Cavazza, Colaussi (2), Bellucco, Molinari (2), Merlin, Silvestri, Beretti, Pesce e Dionigi. Tra i marcatori illustri della sfida annoveriamo anche: Bordon A., Marchionneschi, Pavone, Pirazzini, Saltutti, Libera e Insigne per il Foggia, Maiellaro, Castellano V., Tortul, Paina, Romanzini, Selvaggi, Jacomuzzi, Nardello, Chimenti V., Paolucci, D’Ottavio e Deflorio.

Tutte le altre info, i numeri del campionato, i tabellini, le curiosità nel .pdf preparato da Tonino Palese con la collaborazione di Fabio Guarini. Clicca QUI per scaricare.