Go to Top

Match Program | Pomigliano-Taranto

Clicca  qui  per scaricare il match program in versione completa


PREVIEW

Il pareggio a reti bianche con l’AZ Picerno ha cristallizzato la distanza del Taranto dall’agognato primo posto. A 8 giorni di distanza dal 2-0 sul Granata, si torna al “Vallefuoco” di Mugnano per affrontare l’altra squadra in coda al raggruppamento: il Pomigliano di mister Casu, al secondo match interno consecutivo. Campani che, tra mercato e cambio di guida tecnica, cercheranno l’impresa-salvezza: da inizio stagione appena 8 i punti raccolti, con una vittoria, 5 pari, 9 sconfitte, 6 gol fatti e 24 subiti. Grandissime difficoltà nella nuova casa (il Pomigliano non può giocare al “Gobbato”), con la squadra granata fanalino di coda nel girone per vittorie (0, 166ª della D) e gol fatti (2, penultima dell’intera categoria, 167° posto): 4 i pari e altrettanti i ko, con 2-9 reti. Bottino identico in trasferta (4 punti) dove però è giunta l’unica vittoria, di misura sul Nola, il pari con la Gelbison e altri 5 stop (4-15 reti). In casa, il Pomigliano ha pareggiato l’ultima, 1-1 col Sorrento (15ª giornata), non perde dal 2-0 pro AZ Picerno (13ª) e non vince dal 4-3 alla 33ª del 2017-18 col Francavilla (29 aprile). Sul suo campo ha lasciato l’intera posta in palio, oltre che alla capolista, all’Audace Cerignola (0-3, 1ª), al Savoia (0-1, 3ª) e al Nardò (0-1, 9ª).

Caccia al record di punti esterni in categoria, dopo 8 gare, per il Taranto: una vittoria permetterebbe di superare quello attuale di 14 (1999-00), di guadagnare terreno su almeno una delle due squadre più in alto in classifica, e, al tecnico Panarelli, di agganciare Busetta al 9° posto per media punti in D coi rossoblù. Bisognerà battere a domicilio il Pomigliano, alla 17ª partecipazione consecutiva alla Serie D, una compagine che finora ha fatto molta fatica: all’opposto, invece, il ruolino esterno ionico, in linea finora con l’obiettivo stagionale. I 12 punti in 7 gare valgono 1,71 di media a partita (27ª della D), con 12 gol fatti (31° della serie) e 8 subiti (43°): 3 le vittorie, l’ultima proprio a Mugnano col Granata (2-0, 14ª giornata), altrettanti i pareggi, il più recente a Fasano (2-2, recupero 8ª, 28 novembre), un solo stop, quello di Nardò (1-2, 12ª).

I PRECEDENTI IN CAMPIONATO

Nono confronto in campionato tra Pomigliano e Taranto, una sfida consumatasi interamente in D: bilancio che pende dal lato ionico, con 5 successi, 2 pari e una vittoria campana, 10-7 reti per il Taranto. Predominio netto dei locali allo “Iacovone”, 4/4 con 6 gol fatti e uno subito, sostanziale parità in casa del Pomigliano, con una vittoria per parte (2 pari) e 6-4 reti per i granata. Un solo blitz per il Taranto, 1-0 firmato da Marsili nel 2014-15, uscito sconfitto nell’ultima in casa dei campani (a Volla, 0-3 nel 2017-18), mentre il pari più recente è stato il 2-2 della 16ª del 2015-16. Tutti a quota 2 e in virtù di una doppietta i top-scorer della sfida: Genchi, Alvino e Yeboah per i rossoblù, Prisco per i granata.