Go to Top

Match Program | Team Altamura-Taranto

Clicca  qui  per scaricare il match program in versione completa


PREVIEW

Corroborato dal largo e meritato successo sul Gravina, il coeso collettivo rossoblù si appresta ad affrontare un altro derby di media-alta classifica, nel primo turno infrasettimanale di questo campionato. La media di 2,13 punti in 8 gare (non è conteggiato il match di Fasano) proietta mister Panarelli nell’olimpo dei migliori rossoblù in categoria: la corsa verso il primato passa da un campo ben conosciuto dal trainer ionico, che proprio ad Altamura ha chiuso la carriera da calciatore e iniziato quella in panchina. Orfani dell’esonerato mister De Luca, i murgiani andranno in cerca di una vittoria che manca da un mese esatto, dall’exploit clamoroso a Picerno: da allora due pari e due ko, che hanno fissato il bottino totale a 14 punti, maturati grazie a 4 successi nelle prime 5, con 11 gol fatti e 13 subiti. Squadra da trasferta, per via di 3 vittorie, 1 pari e 1 sconfitta (8-6 reti), i biancorossi soffrono al “D’Angelo”, dove l’ultima e unica vittoria resta il 2-1 sul Gravina (2ª giornata), l’ultimo pari l’1-1 in extremis col Francavilla (6ª) e l’ultimo stop il pesante 0-3 col Sorrento (8ª).

Fermato dall’infortunio dell’arbitro Ancora di Roma 1 a Fasano, in situazione di vantaggio, il Taranto formato-trasferta proverà a tenere su ottimi livelli il proprio cammino. I 7 punti nelle prime tre lontano da casa rappresentano la terza miglior prestazione per gli ionici in categoria (9 punti solo nel 1999-00, poi nel 2015-16 ma col 3-0 a tavolino a Bisceglie), al pari del Taranto 2014-15. Gli ionici non hanno mai espugnato il “D’Angelo” in campionato, ma l’hanno fatto nella semifinale playoff della scorsa stagione (doppietta di Marsili): lontano da casa, l’ultimo successo è giunto alla 6ª giornata (1-0 sul Savoia), il pari manca dal prezioso 1-1 di Cerignola (4ª), il ko dal 3-1 pro Potenza del 29 aprile (33ª, 2017-18) o, considerando la post season, dal 3-1 pro Cavese in finale playoff (20 maggio).

I PRECEDENTI IN CAMPIONATO

Quattordici precedenti tra rossoblù e biancorossi, con sei successi del Taranto, quattro pari e altrettante affermazioni dei murgiani, a segno 12 volte contro le 18 degli ionici. “D’Angelo” tabù per il Taranto in campionato: nessun successo, con tre pari e quattro vittorie dei locali, in vantaggio anche nello score delle reti (9-5). Nettissimo, invece, il dominio del Taranto allo “Iacovone”: anche qui nessun segno “2”, con 6/7 per i locali e uno 0-0 datato 1999, 13 gol a 3 per i rossoblù. Ad Altamura il pari manca dal 1999-00 (1-1) e la vittoria dei padroni di casa dal 2-1 della scorsa stagione, quando mister Panarelli sedeva sulla panchina biancorossa. Fuori dal computo il successo ionico in semifinale playoff 2017-18 (0-2, doppio Marsili). Bomber principe della sfida Sossio Aruta, a quota 4 reti grazie al poker nel 5-0 dell’annata dello Scudetto Dilettanti (1994-95). A quota 2 gli ionici Cipriani, Dossou e D’Isidoro e il biancorosso Aliperta, a segno con due penalty, uno per gara, nello scorso torneo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.