Go to Top

Dojo Myato, una piccola realtà nel panorama nazionale del karate

Una bella realtà dello sport tarantino. L’ASD Dojo Myato è una scuola di arti marziali, affiliata FIJLKAM, che si sta facendo valere a livello nazionale. Affronteremo il viaggio all’interno di questa associazione tramite il racconto del maestro Antonio Vitarelli.

► Chi sei
Mi chiamo Antonio Vitarelli, 45 anni, praticante di arti marziali da 30 anni (Karate, Aikido, Ju-Jitsu, Boxe). Sono cintura nera 4° Dan di Karate, agonista negli anni novanta a livello regionale.

Cosa fai
Sono insegnante tecnico dal 2012 con qualifica della federazione olimpica FIJLKAM. Sono istruttore 2° livello di MGA (Metodo Globale di Autodifesa) usato dalle forze di polizia anti-sommossa. Ho fondato insieme ad altri amici, nel 2012, la ASD Dojo Myato, della quale sono vice-presidente e insegnante tecnico di Karate. Attualmente copro il ruolo di direttore tecnico delle attività sportive della ASD Dojo Myato nei corsi di Karate ed autodifesa.

Raccontaci della tua attività
La scuola di arti marziali Dojo Myato svolge corsi di Karate per tutte le fasce di età. Ne abbiamo individuate quattro, divise così:

  • bambini (4-7 anni) con i quali si affronta lo sviluppo della coordinazione per gli schemi motori di base. Si adoperano metodologie orientate soprattutto sull’aspetto ludico, con lo svolgimento di psicomotricità, facendo risaltare sempre aspetti comportamentali virtuosi che pongano accento sui valori del rispetto verso gli altri;
  • fanciulli (8-11 anni) dove si specializzano gli schemi motori, aumentandone la difficoltà e la multilateralità, avvicinando i movimenti a quelli specifici della disciplina di combattimento. In sostanza, inserendo le prime tecniche;
  • ragazzi (12-16 anni) con i quali il lavoro svolto dalle fasce precedenti si trasforma in preparazione, verso i modelli di prestazione specifica della disciplina. Si insegna la tecnica gradualmente più complessa fino ad arrivare alla specializzazione agonistica;
  • adulti (18+ anni) con i quali, oltre al lavoro di approfondimento agonistico sempre più complesso, si affronta la preparazione di tecniche di autodifesa da strada e in più si studiano, in modo più specifico, gli aspetti filosofici dell’arte.

Come in ogni sport, ci prepariamo per nuove sfide a carattere agonistico ed i risultati ci hanno visto subito protagonisti. Nonostante scontiamo il fatto di essere una piccola società, abbiamo cominciato a riempire il nostro palmarès, che recita così:

  • 2014: Titolo di Campione d’Italia categoria Master
  • 2016: Bronzo nel Campionato italiano Master
  • 2017: Qualificazione ai Campionati italiani Juniores e Seniores femminili. 3 ori e 3 bronzi nelle competizioni regionali
  • 2018: 1 oro e 1 argento nelle competizioni regionali
  • 2019: Qualificazione ai Campionati Italiani Seniores femminili. 1 argento nella coppa Puglia.

Si tratta di importanti traguardi, considerando svariate difficoltà da affrontare: la competitività innanzitutto, visto che operiamo in Puglia, la regione per antonomasia delle arti marziali, dove è presente il maggior numero di campioni nazionali, continentali e mondiali; le notevoli difficoltà nel farsi pubblicità, nonostante i risultati, per una società come la nostra, che desidererebbe aumentare il numero di iscritti. Ci sono anche altre avversità, come la mancanza di risorse economiche, la poca visibilità della disciplina, l’assenza di interesse delle istituzioni, la morsa stringente del rispetto di svariate norme sia fiscali che di sicurezza: tutto concorre all’aumento delle spese. Come insegnanti e amministratori della società, dunque, dobbiamo sobbarcarci pesanti responsabilità.

Obiettivi per il 2019

L’anno, come detto, è cominciato bene, con la partecipazione ai Campionati Nazionali Seniores femminili ad Asti. Ci siamo ritrovati in una realtà completamente diversa: per fare un parallelismo, è come se il Taranto attuale si ritrovasse catapultato a disputare la Serie A incontrando le squadre più quotate. Come obiettivo primario abbiamo una campagna di promozione a livello comunale, quindi su Taranto città, nelle scuole e nelle manifestazioni pubbliche incentrate sullo sport, per diffondere la cultura del Karate. A livello agonistico ci poniamo l’obiettivo di raggiungere un nuovo podio nazionale nella categoria femminile, dove la nostra società si distingue maggiormente.

Un messaggio ai tarantini e ai tifosi del Taranto

Per tutti i tarantini, sia tifosi che non, voglio dire che tutti uniti si può sempre vincere: puntando all’impossibile si può raggiungere l’incredibile.

Dove trovarci

Potete venire a trovarci presso la palestra Eurosport 2000, in Via Lazio, 93 a Taranto.
Potete seguirci online sulla nostra pagina Facebook Dojo Myato.

,