Go to Top

Match Program | AZ Picerno-Taranto

Clicca  qui  per scaricare il match program in versione completa


PREVIEW

Il pronto riscatto del Taranto, che ne ha rifilati 7 al malcapitato Granata, non ha lenito l’enorme delusione per la fine anticipata della corsa alla vetta. La sfida di Picerno non sarà la finale che i tifosi speravano qualche settimana fa: ai locali servirà un punto per sancire l’approdo alla Serie C, mentre i rossoblù ionici dovranno tentare l’impresa, e poi vincere le successive due gare, per provare a sorpassare l’Audace Cerignola (a +1). Dieci i punti che separano le due sfidanti di giornata, con gli uomini di Giacomarro primi a quota 77, in virtù di un campionato incredibile: 2,48 punti di media a partita, un’imbattibilità che dura in campionato da 6 mesi, 12 vittorie di fila su 14 gare del girone di ritorno (0-0 nelle prime due). Eccellente il rendimento interno, il 13° dell’intera serie, con 40 punti, frutto di 13 successi e 1 pari (1 ko), 39-11 reti. Lo stop al “Curcio”, lontanissimo, risale al 3-2 pro Team Altamura (5ª giornata), l’unico pari (0-0) è quello della 19ª col Città di Gragnano, mentre la vittoria interna più recente è arrivata sul Pomigliano (3-0, 30ª). Melandrini che possono eguagliare, vincendo le ultime 3, i record di Sicula Leonzio (girone I 2016-17, 15 vittorie di fila) e Ischia (86 punti): inarrivabili il Montichiari, 87 punti nel 1998-99 (media 2,559, 18 squadre), e il Piacenza, 96 punti nel 2015-16 (media 2,526, 20 squadre).

Nonostante il ko di Francavilla, 11° cammino esterno della D per il Taranto: 28 punti in 15 sfide, con 8 successi (l’ultimo a Vallo della Lucania, 4-1, 28ª), 4 pari (il più recente ad Andria, 1-1, 24ª), 3 sconfitte, 25 gol fatti (miglior attacco esterno), 15 subiti. Ionici a -2 dal proprio record esterno di punti e da quello di vittorie totali.

I PRECEDENTI IN CAMPIONATO

Cinque i precedenti in campionato e tutti in Serie D: il Taranto è ancora imbattuto e non ha subito gol. Il pari di dicembre ha interrotto la striscia di successi in casa, uno al “Fanuzzi” nel 2017-18 (1-0) e uno allo “Iacovone” nel 2015-16 (3-0), mentre al “Curcio” si è registrata una X nell’ultima (0-0) e una vittoria per 3-0 con doppietta di Genchi: proprio la punta comanda, a quota 3 la classfica marcatori, seguito da Manganelli, Marsili, Ciarcià e Aleksic a 1.