Go to Top

Match Program | Fidelis Andria-Taranto

Clicca  qui  per scaricare il match program in versione completa


PREVIEW

Battuto anche il Savoia, con un guizzo al fotofinish di Croce, il Taranto ha stabilito il proprio record di vittorie consecutive in campionato nel dopoguerra (8), a meno 2 dalle 10 (tra 5ª e 14ª) del 1928-29, inanellando l’undicesimo risultato utile consecutivo (eguagliata la scorsa stagione, tra 17ª e 27ª), col record del 1997-98 distante nove incontri. Rossoblù da record anche in trasferta, dove manca un successo per arrivare a 8 (miglior performance, 1999-00): è così che il derby con la Fidelis Andria, quarta in campionato e miglior difesa del girone (15 reti subite), si preannuncia denso di significati. Per gli uomini di coach Potenza (squalificato), 10 successi, 8 pari e 5 sconfitte, 24-15 reti: i federiciani segnano poco ma subiscono pochissimo e sono la squadra che ha al passivo meno reti in casa in tutta la quarta serie. Buono il ruolino al “Degli Ulivi”, con 7 vittorie in 12 incontri per i leoni azzurri: nell’ultima occasione è finita 2-1 per i locali sul Sorrento (22ª giornata), mentre il più recente dei 4 pari è giunto con la Gelbison (0-0, 18ª) e l’unico stop nel derby con la Team Altamura (0-1, 17ª).

Corre il Taranto formato trasferta: in D non aveva mai ottenuto 24 punti in 11 incontri e il record di vittorie è distante solo una lunghezza. Sette successi per gli uomini di Panarelli, l’ultimo dei quali a Nola (3-1, 22ª giornata), con tre pareggi (il più recente a Fasano, 2-2 nel recupero dell’8ª) e il solo stop di Nardò (1-2, 12ª). I rossoblù non perdono in assoluto proprio dal derby coi granata: da allora 10 vittorie e il pari interno con l’AZ Picerno. L’attuale score esterno di reti è 19-9: nel mirino altri record, quello di più gol fatti (29 nel 2013-14, migliore in assoluto) e meno gol subiti (15 nel 2014-15, migliore della storia in D).

I PRECEDENTI IN CAMPIONATO

Sedicesimo incontro in campionato tra andriesi e tarantini: un derby dalla storia recente, col primo incontro datato ottobre 1989, giocato in diverse categorie. Due le gare in B, 8 quelle in terza serie, 5 nel quarto livello (2 in C/2, 3 in D), con bilancio favorevole ai rossoblù, in virtù di 7-5 successi, con 3 pari, score di reti 19-15. Dominio allo “Iacovone”, dove la Fidelis si è imposta per la prima volta all’ottava occasione, nella gara d’andata; al “Degli Ulivi” musica diversa, con i federiciani in vantaggio 4-1 (2 pari) e 7-3 reti: unico blitz ionico nel 2005-06, firmato De Liguori, mentre il pari manca dal 2010-11 (0-0) e la vittoria dei locali dal 2-1 in rimonta in Lega Pro 2016-17. Bomber della sfida il doppio ex Vittorio Insanguine, a segno una volta in maglia ionica e due coi leoni azzurri, a quota 3 gol: seguono Cristaldi (doppietta all’andata) e il rossoblù Viola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.