Go to Top

Match Program | Gelbison-Taranto

Clicca  qui  per scaricare il match program in versione completa


PREVIEW

Una settimana da quattro punti per il Taranto, che ha riscattato la sconfitta di Gravina battendo all’inglese il Team Altamura (2-0), e si è visto restituire il punto di penalizzazione precedentemente comminato dal TFN. I rossoblù di mister Panarelli cercano di rilanciarsi nella folle corsa alla Serie C: mancano 7 ostacoli, di cui 4 in trasferta, e il primo di questi è l’ostica Gelbison di Vallo della Lucania. Per i salernitani di mister De Felice, ora undicesimi, 33 punti in 27 giornate: un bottino da rimpinguare, per tenere lontana la zona calda, ora distante appena 3 punti. 7 successi, 12 pari e 8 ko per i campani (33-37 reti), che in casa hanno perso appena tre volte in 13 incontri (4 le X, 6 le vittorie, 16-15 reti), l’ultima delle quali nel derby salvezza col Sorrento (1-4, 25ª giornata). Il successo dei locali allo stadio “Morra” manca dal 17 febbraio, 4-2 sul Francavilla (24ª), il pari dal 10 dello stesso mese, 1-1 col Nardò (23ª). A Vallo solo un pari per l’AZ Picerno, 1-1 alla 10ª.

Lo stop di Gravina ha rallentato il cammino a passo sostenuto del Taranto in trasferta. Per i rossoblù, in 13 gare, 25 punti raccolti, con 7 successi e 4 pari (2 stop, 20-12 reti), e una media ragguardevole di 1,92 punti a partita, 11ª dell’intera quarta serie. È ancora a portata di mano il record dopo 17 turni in D, attestato a quota30, appartenente agli ionici del 1999-00: è anche il miglior valore assoluto della storia ionica in tutti i campionati, a pari merito con il 2011-12. Detto del 2-0 pro Gravina (26ª giornata), gli uomini di Panarelli, in trasferta, hanno pareggiato per l’ultima volta il 17 febbraio ad Andria (1-1, 24ª) e non vincono dal 3-1 di Nola (22ª).

I PRECEDENTI IN CAMPIONATO

Cinque i precedenti tra le compagini, con bilancio nettamente favorevole al Taranto, in virtù di 3 successi a 1 (1 pari) e 5 gol fatti a 4. Salernitani mai vittoriosi allo “Iacovone”, dove i locali hanno vinto in due occasioni, mentre la gara d’andata è terminata in parità (1-1) nonostante un grandissimo numero di occasioni create dalla squadra di Panarelli. Al “Morra” un’affermazione a testa (3-2 reti per la Gelbison): 3-1 nel 2013-14, 0-1 nel 2014-15. Capocannoniere della sfida il centravanti Hernan Molinari a quota 2, a segno in entrambi gli incontri della stagione 2013-14. L’1-1 di novembre 2018 è firmato da D’Agostino e Cammarota.