Go to Top

Match Program | Sorrento-Taranto

Clicca  qui  per scaricare il match program in versione completa


PREVIEW

Un Taranto incerottato e deluso dall’esito del ricorso per l’aggressione di Picerno rende visita al Sorrento, allenato dall’indimenticato ex Maiuri, già salvo dopo una bella rimonta in classifica. Undicesimo posto per i costieri con 40 punti (101° valore della Serie D), frutto di 11 successi, 7 pari, 15 sconfitte, 45 gol fatti (7° attacco del girone) e 49 subiti (quinta peggior difesa): i rossoneri hanno raccolto 22 punti tra le mura amiche, vincendo in 6 occasioni, l’ultima sul Pomigliano (1-0, 32ª giornata), pareggiando 4 volte, nell’ultimo caso col Granata (2-2, 29ª), subendo 6 sconfitte, la più recente ad opera dell’AZ Picerno (0-1, 31ª). Diciannove i gol realizzati allo stadio “Italia” e 18 quelli subiti: statistiche in linea con la posizione di centro-classifica, così come il buon bottino esterno di 18 punti in 17 gare.

I rossoblù vogliono chiudere in bellezza un ruolino esterno di tutto rispetto, il tredicesimo dell’intera categoria, con 1,81 punti di media a partita. Con lo 0-0 di Picerno, gli uomini di Panarelli hanno raggiunto quota 29 in 16 incontri: manca un solo punto per eguagliare il miglior dato in D (1999-00) e in assoluto (2011-12). Si può ancora eguagliare il record di vittorie in un campionato (22, 1994-95 e 1999-00) e se ne possono aggiornare altri, come quello relativo ai successi esterni (ora eguagliato, 8, come nel 1999-00): si proverà a mantenere quello di gol subiti (15 già ora, come a fine 2014-15) e ad avvicinare quello di gol fatti (29, 2013-14) sempre lontano da casa, dove il successo manca dal 4-1 sulla Gelbison (28ª giornata) e il ko dal 7 aprile (2-1 per il Francavilla, 30ª).

I PRECEDENTI IN CAMPIONATO

Undici precedenti in campionato tra rossoneri e rossoblù e tutti, esclusa ovviamente la gara d’andata, in categorie superiori: i primi due in cadetteria (tra i protagonisti pal ‘e fierro Bruscolotti, poi bandiera del Napoli) e 8 in terza serie. Taranto mai battuto dai campani, con 6 vittorie, di cui 4 in casa, e 5 pari (3 in trasferta). Allo stadio “Italia” l’ultima è terminata 0-0 (2011-12), col blitz ionico che manca dal 3-2 che valse la salvezza nel 2008-09. Bomber della sfida, a quota due gol, i doppiettisti da Silva e Oggiano, insieme a Di Bari, seguiti a 1, tra gli altri, da alcuni grandi del calcio ionico come Beretti, Silvio Paolucci e Cutolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.