Go to Top

Match Program | Taranto – Grumentum VdA | 26.1.2020

Leggi il match program su issuu ► clicca qui

Scarica il match program in pdf ► Taranto – Grumentum Val d’Agri


PREVIEW

Il Taranto ritorna allo “Iacovone” dopo il pari di Nardò e al termine di un’altra settimana densa di avvenimenti. Il capitano Stefano D’Agostino non indosserà più la maglia degli ionici, che si preparano a vivere un inaspettato e intenso finale di mercato: il fantasista genovese verrà sostituito e sono in arrivo due under per aumentare le rotazioni a disposizione di Panarelli. La prima X esterna, giunta alla decima gara (prima sei successi e tre ko), arresta a quota 9 la striscia di incontri in trasferta senza impattare, a -1 dal particolare record del 2012-13 (10, con 3 vittorie e 7 sconfitte). Non è il caso di infrangere un altro record negativo, quello delle sconfitte interne in D, ora eguagliato (5) con lo 0-3 a tavolino con l’Audace Cerignola: il peggior dato in assoluto (8) risale al 2003-04 e al 2004-05. Per evitare guai, i rossoblù sono chiamati al prosieguo della striscia di risultati utili (4) e a ricercare una vittoria allo “Iacovone” che manca da 77 giorni, dal 5-0 sull’Agropoli ora in fondo alla graduatoria. L’aria di contestazione, l’obiettivo (unico) ormai sfumato e l’avversario non di grido, potrebbero svuotare sia i gradoni dello stadio che il match, lato Taranto, di significato. Spetterà ai calciatori non rendere la sfida al Grumentum una riga qualsiasi dell’almanacco. Dalla parte lucana sarà sicuramente, comunque vada, una giornata da ricordate. La squadra del tecnico Finamore, ex match analyst del Taranto, rappresenta un comprensorio di circa trentamila abitanti: si sta giocando strenuamente la salvezza diretta, lontana appena un punto, viene da quattro risultati utili e vuole riscattare l’1-4 dell’andata. Quando il Taranto sembrava destinato a una grande corsa.

Quattro risultati utili consecutivi, una vittoria e un pari in casa e in trasferta, hanno riportato i lucani a un punto dalla zona franca. Il cammino interno è migliore di quello del Taranto (1.36 a 1.3 la media), mentre è notevole la differenza nei numeri in trasferta: 19 punti a 7 per gli ionici. Le due squadre,reduci da una serie utile identica (8 punti in 4 match), sono lontane 10 lunghezze (32 a 22) e 18 gol nella differenza reti (-9 a +9).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.