Go to Top

Guestbook

Aggiorna guestbook       Registrati

Effettua il login per poter scrivere

Registrati



Mimmo


TAXBERG ed a cosa serve?!? Per porre delle basi?!? Qui bisogna radere tutto al suolo e ripartire da ZERO dalla ctesta al piede!!!

Scritto il 24 Gennaio 2020 ore 14:15



TaXberg


Che tanto Ragno non prevedeva DAgostino.

Scritto il 24 Gennaio 2020 ore 14:13



706ac


Tonino Palese, a me frega solo della maglia e non dei calciatori. Ma se dichiari come società che vuoi terminare al meglio stagione (vincere gli inutili play off) non mandi via una mezza punta da 40 reti in due anni, a maggior ragione sei hai un problema in fase realizzativa. Adesso come lo rimpiazzo, a mercato praticamente chiuso e con i calciatori che si rifiutano anche di farsi visitare qui per il disastro societario in atto? Qua rischiamo i play out.

Scritto il 24 Gennaio 2020 ore 14:13



Mimmo


Sono finiti pure gli spicci...mo speriamo che ci siano i soldi per la benzina in trasferta e per i panini all'autogrill...ammenocchè non si debbano portare il pranzo a sacco...la lavanderia ognuno a casa sua...occhio a non perdere i palloni...si gioca solo con la luce...ed abbiamo veramente raggiunto lo schifo più schofoso dello schifo che possa esserci: ma ci vuole così tanto a dire che non ci sono soldi, che non si è capaci e che si vuol chiudere baracca?!? Ok non c'è nessun ma nemmeno ora mi sembra che esista una società!!!!

Scritto il 24 Gennaio 2020 ore 14:12



peluscina


Prepariamoci al peggio...

Scritto il 24 Gennaio 2020 ore 14:12



TaXberg


Visto che a furor di buona parte di popolo e' stato silurato addirittura DAgostino allora adesso a furor di popolo richiamasse Ragno con tanto di scuse.

Scritto il 24 Gennaio 2020 ore 14:12



mandilak


vecchiobomber, io che ti conosco ti considero mooolto meglio di goretta e olcese messi insieme. Almeno segni!

Scritto il 24 Gennaio 2020 ore 14:03



Tonino_Palese


Non so se la decisione di privarsi di D'Agostino sia un male. Calciatore indiscutibilmente di assoluto livello, ma questa decisione giunge molto in ritardo. Dispiace per lui che ci ha fatto vedere del buon calcio anche se non è riuscito a trascinarci in serie C. Sarà un salto nel buio adesso? Non lo so. Di certo, ora diventa davvero imperativo mantenere la categoria, nonostante le perplessità sulla guida tecnica. Speriamo bene.

Scritto il 24 Gennaio 2020 ore 14:01



706ac


Comunque che strana coincidenza Arriva la diserzione, il giorno successivo va via il calciatore che ha probabilmente l'ingaggio più pesante. Altro che scelta tecnica....

Scritto il 24 Gennaio 2020 ore 13:52



rossoblu82


vecchio...se paghi ti fanno giocare anche titolare al posto di actis....

Scritto il 24 Gennaio 2020 ore 13:50



rossoblu82


cioè hanno silurato quello che ha fatto saltare la panchina di ragno sotto la regia del magnifico coccodrillo??? che spettacolo questa società..

Scritto il 24 Gennaio 2020 ore 13:46



706ac


Silurato D'Agostino. Mi aspetto anche Genchi. Fino a maggio con Goretta e Olcese. Obiettivo 14mo posto.

Scritto il 24 Gennaio 2020 ore 13:46



vecchiobomber


Non mi sono mai vergognato così tanto di essere tifoso del Taranto come quest'anno. Grazie Presidente.

Scritto il 24 Gennaio 2020 ore 13:45



lucius


Che fa ora dunque? Richiama Ragno??

Scritto il 24 Gennaio 2020 ore 13:44



vecchiobomber


Questa è una società che può coronare i miei sogni. Sono convinto che se metto una cosa di soldi in mano alle persone giuste questi mi fanno esordire con la casacca rossoblù.

Scritto il 24 Gennaio 2020 ore 13:44



lucius


hann studchit...

Scritto il 24 Gennaio 2020 ore 13:44



angelix0374


Ora via tutti gli altri... Chiudiamola questo campionato nella peggiore maniera......

Scritto il 24 Gennaio 2020 ore 13:44



vecchiobomber


Le meravigliose grandi manovre del Taranto. Quanto vi amo.

Scritto il 24 Gennaio 2020 ore 13:43



angelix0374


Silurato D'Agostino.... Che schifo

Scritto il 24 Gennaio 2020 ore 13:41



Franco_dal_Brasile


Il Taranto FC 1927, nella necessità di avviare un nuovo progetto tecnico sportivo, è costretto, suo malgrado, a privarsi, a partire dalla data odierna, delle prestazioni professionali del calciatore Stefano D’Agostino con l’intento di trovare, per il calciatore stesso, collocazione presso un altro Club in questa sessione di mercato. La difficile e dolorosa decisione è stata ufficialmente comunicata al giocatore. La società Taranto FC 1927, nel ringraziare Stefano D’Agostino per il prezioso apporto fornito in questi anni di militanza nel nostro Club, augura allo stesso le migliori fortune per il prosieguo della sua carriera ed il massimo delle gratificazioni personali.

Scritto il 24 Gennaio 2020 ore 13:40



nonnoluigi


in effetti in quarta serie...si può solo programmare il breve dei nove o dieci mesi di campionato...anche si programma il girone di andata e il girone di ritorno in maniera differente....non è programma a lungo termine...si programma nel breve ...

Scritto il 24 Gennaio 2020 ore 13:36



rossoblu82


ma ancora dobbiamo discutere di uno che continua a parlare di super corazzata???

Scritto il 24 Gennaio 2020 ore 13:32



706ac


Taxberg, la serie D negli ultimi anni è stata stravinta a maggio da società che si erano insediate nel precedente luglio e che hanno costruito squadra e staff in due mesi: Parma, Bari , Cesena, il Potenza di Caiata, Padova ,Salernitana ecc Quindi è una immane ca.cata parlare di programmazione in questa categoria. La puoi fare dalla C in su, dove non hai la regola degli under e i contratti sono per professionisti. Questa è una serie dilettantesca di nome e di fatto che bisogna solo abbandonare. Ma se abbiamo un presidente che allestisce una squadra che a maggio finisce a -10 dal Picerno e un' altra che a gennaio è a -12 dal Bitonto quali speranze abbiamo di uscire da questa fogna calcistica?

Scritto il 24 Gennaio 2020 ore 13:15



johnpetrucci


Allora compattiamoci intorno alla fondazione, facciamo assemblea e tiriamo insieme le somme su come muoversi intorno a questo martoriato taranto. Facciamo gruppo unico.

Scritto il 24 Gennaio 2020 ore 12:54



kaotici73


Ma davvero date peso alle parole dell'anziano signore che da anni non fa altro che sguazzare nel torbido e denigrare qualsiasi cosa possa solo lontanamente essere positiva per il Taranto? La Fondazione è stata la cosa piu' bella che ci sia capitata negli ultimi anni, grazie al lavoro disinteressato e passionale di tanta gente TIFOSA ed è stata addirittura di esempio per molte altre realtà a livello nazionale....altro che l'anziano signore!

Scritto il 24 Gennaio 2020 ore 12:28



rossoblu82


fabio guarini...nn hai inteso il mio intervento...intendevo che quello che ha scritto nn è solo il pensiero del decano dei dg ma anche del suo amichetto...

Scritto il 24 Gennaio 2020 ore 12:21



rossoblu82


Dalla rassegna stampa di oggi, sul 'Corriere dello sport', l'articolo di Giuseppe Di Cera: Dopo il gran rifiuto di Mauro Bollino, promesso sposo e ora con la fede al dito del Bitonto, ecco una seconda scossa settimanale che sta colpendo il Taranto alla vigilia della sfida con il Grumentum Val D’Agri. Con un comunicato diffuso nella mattinata di ieri, i gruppi organizzati della Curva Nord hanno manifestato il loro profondo disappunto nei confronti dell’attuale dirigenza ionica, tacciata di assenteismo e mancanza di programmazione. Nel circostanziato intervento, i tifosi chiedono le dimissioni del presidente Massimo Giove e annunciano una contestazione già a partire dalla partita con i lucani. Il disappunto si manifesterà disertando i gradoni della Curva Nord. LA REPLICA. «La mia coscienza è a posto: non ritengo di aver tradito la tifoseria, né penso di avere agito in modo tale da dovermi dimettere. Voglio bene ai tifosi e lo dirò sempre». Questo il commento a caldo di Giove, alla protesta dei sostenitori. «Comprendo il loro stato d’animo, ma - continua il numero uno del club - i tifosi devono capire che è il rettangolo di gioco a fare da giudice e pur avendo costruito una super corazzata e profuso il massimo impegno, i risultati non sono arrivati. Se fare grandi investimenti portasse a vincere con certezza i campionati, tutti agirebbero nella stesso modo». Giove tende una mano. «Andrò avanti e con il lavoro cercherò di far loro cambiare idea. Tuttavia - conclude - nel momento in cui dovesse esserci qualcuno d’importante intenzionato a rilevare il Taranto, farò un passo indietro. Penso, però, che in questo momento sia complicato trovare qualcuno deciso a subentrare e in ogni caso lo dovrò lasciare in mani sicure. Adesso dobbiamo concentrarci al campionato per centrare i playoff, perché sarebbe il colmo non parteciparvi dopo il grande investimento fatto. Poi a maggio e giugno capiremo dove andare».

Scritto il 24 Gennaio 2020 ore 12:19



johnpetrucci


Fabio Guarini e fondazione. Io sono con voi, sono un socio e ritengo che la fondazione sia dei tifosi. Ma bisogna essere un po’ più presenti, stargli un po’ più addosso. Già il fatto che tu scrivi qua sopra è molto positivo, c’è e ci deve essere un confronto che negli ultimi tempi credo sia mancato. Mi rendo conto che il web è uno strumento limitante, proprio per questo bisognerebbe, forse, parlare in pubblico in una assemblea della situazione attuale e di quella societaria. Magari con Giove presente. O magari assente.

Scritto il 24 Gennaio 2020 ore 12:18



gianlucasostegno


articolo di un anziano signore scritto a quattro mai (anzi sei, più il correttore di bozze), ovviamente ha scritto una marea di sciocchezze anche fin troppo facili da smontare. E' la testimonianza di quanto sia stata efficiente ed incisiva la presenza del Trust da quando nel 2012 lo stesso Trust ha fondato il Taranto Fc1927, se l'esistenza del Supporters' trust nella società è una cosa che gli da fastidio significa che è una cosa positiva. Ciò detto, io faccio l'abbonamento in Tribuna laterale dal 2012 e prima in gradinata, ancor prima in curva ed ancor prima entravo in braccio a mio padre. Prima di entrare in braccio a mio padre, non c'ero proprio.

Scritto il 24 Gennaio 2020 ore 11:55



mandilak


Io penso che le capacità di una persona in genere si vedano subito. Tutti noi lo notiamo sui rispettivi posti di lavoro. Oppure quando andiamo ad uno sportello. Capiamo dopo 10 secondi se chi abbiamo di fronte è sveglio e professionale oppure è uno scarparo. Lui ha avuto molto tempo per dimostrare le sue capacità organizzative. E onestamente a dirla tutta non lo vorrei mai come mio datore di lavoro. i miei modelli sono altri. Con tutto il rispetto.

Scritto il 24 Gennaio 2020 ore 11:36



mandilak


Caro Romanzini, dubito che sia capace di fare tutto ciò GIOVE. Spero di sbagliarmi ma i fatti di questi 3 anni dicono questo. Poi essendo lui il presidente, come tu giustamente dici, può fare quello che vuole. liberissimo. Noi però ci comporteremo di conseguenza. Anche il tifoso è liberissimo di fare tutto ciò che crede.

Scritto il 24 Gennaio 2020 ore 11:22



Romanzini


Io partirei da un concetto base: errare è umano, perseverare diabolico. Che il Presidente Giove abbia commesso una enormità di sbagli è un fatto assodato, lo dicono le cronache degli ultimi due anni di calcio tarantino, in particolare l'ultimo, quando si è fatta terra bruciata intorno ad uno degli allenatori più vincenti della storia del girone H di serie D come Ragno per riportare in panca un Panarelli che fa sempre gli stessi errori da due anni a questa parte. Quindi tutti possono sbagliare, anche Giove; dopotutto è lui che scuce i denari per portare avanti il pallone nostrano. Per questo dico al Presidente Giove che se vuole davvero redimersi e intraprendere un percorso differente, che porti prima alla riabilitazione agli occhi della tifoseria e poi alle auspicabili vittorie, una sola è la strada che può percorrere, quella della scelta di gente seria e preparata che sappia davvero predisporre un programma o progetto tecnico che tiri fuori il Taranto dalla melma della serie D. Quindi affidi l'area tecnica al DS De Santis, faccia scegliere a lui e solo a lui un tecnico preparato esperto e capace di costruire anche nel tempo un Taranto vincente, assuma un Direttore Generale bravo e agganciato con Lega e Federazione, e riconquisti con i fatti, non con le parole, la gente tifosa. Il tifoso tarantino tutto è fuorchè [non consentita], capirebbe e saprebbe apprezzare questo cambio di rotta. Naturalmente questo discorso non può prescindere dall'allontanare dal Taranto quelle figure che non vogliono assolutamente il bene del calcio rossoblù, faccia pulizia radicale di chi non vuole bene al Taranto, a partire dagli spogliatoi e finire a tutti coloro che gli ronzano attorno. Riparta Giove con determinazione e serietà, sentendo l'unico soggetto che davvero vuole bene al Taranto e lo vuole vedere fuori da questo dilettantismo diffuso, ossia il pubblico rossoblù. Solo allora, il Presidente Giove, così facendo, darà un vero segnale di svolta e sterzata decisa di un cammino che oggi ha impantanato il Taranto dove non merita di stare. Forza Vecchio Cuore Rossoblù!!!!

Scritto il 24 Gennaio 2020 ore 11:15



FabioGuarini


@rossoblù82 - Che sia un pensiero suo, di 5, di 150, non mi interessa particolarmente. Posso dirti che vi fa poco onore prendervela con gente che si adopera gratuitamente e da almeno cinque anni subisce una campagna di odio ingiustificata nell'aggressività e nelle motivazioni. Basterebbe fermarsi un attimo a riflettere che si spende più tempo nell'avercela con volontari (!) di un'associazione che con il presidente, il giocatore, il dirigente di turno e nel merito. Che poi qualcuno lo faccia per problemi personali con l'associazione o con qualcuno che ne fa/ne ha fatto parte, è parecchio più triste. Io dissi una cosa appena mi insediai come presidente: cerchiamo veramente di compattarci per non fare il gioco di determinati personaggi. Anche perché, a titolo personale, non porto rancore nei confronti di alcun tifoso. Veniamo tirati in ballo in questioni a cui è facilissimo rispondere, per le quali basterebbe cercarsi video e comunicati, ma farà senz'altro bene a tutti il ripasso che faremo. P.S. Io sono fuorisede da 8 anni e ogni stagione mi abbono in gradinata, perché è lì che voglio mettere piede, tra gli amici di sempre. Preferisco la pioggia e il calore del settore popolare

Scritto il 24 Gennaio 2020 ore 11:14



706ac


In serie D non si programma. La serie D si vince, punto e basta. Perché con la regola degli under e con contratti non professionistici che si possono annullare in un batter d'occhio (vedi caso Loidice di questa estate) parlare di programmazione è utopia. Tralasciamo il fatto che questa parola in bocca ad un presidente il cui staff ha una durata di vita media di 3 mesi fa abbastanza ridere. Chi non riesce a portarci via dalla D deve solo fare le valigie

Scritto il 24 Gennaio 2020 ore 11:13



vecchiobomber


Scusate ma volevo precisare una cosa. Programmazione non significa avere lo stesso presidente per più di un anno. Programmazione significa gettare le basi di un progetto societario, tecnico e tattico di ampio respiro. Quindi non è che se il presidente rimane anche l'anno prossimo è perchè ha programmato o sta programmando. No perchè se avete visto qualcosa di lontanamente paragonabile ad una programmazione in questi tre anni ditemelo per favore. Perchè forse mi sarà sfuggito. Vi ringrazio in anticipo.

Scritto il 24 Gennaio 2020 ore 11:06



vecchiobomber


Chi opera nel mondo del calcio sa bene come funzionano queste cose. Tra di loro conoscono la realtà delle varie società e i movimenti e le contrattazioni vere non sono mai alla luce del sole. Per me il presidente può fare quello che ritiene opportuno. Io eviterei solo quelle pantomime del "Se viene qualcuno di importante"...Presidè non sei Giovanni Battista quando aspettava Nostro Signore. Non penso che sei nelle condizioni di giudicare se qualcuno è più o meno grande di te...che fino a prova contraria non sei questo grande colosso nè hai raggiunto questi meravigliosi risultati sportivi e sociali, se non fare dello Iacovone un deserto e desolantissimo campo di conquista. Quindi se vuoi vendere vendi, se vuoi andare avanti vai avanti da solo. Tanto ormai no se ne futt chiù nint nisciun.

Scritto il 24 Gennaio 2020 ore 11:01



TaXberg


Indipendentemente da chi attualmente si trova alla guida del Taranto mi trovo in linea con la sostanza del discorso di rossoblu 69. E' da almeno un ventennio che un presidente non resta in capo al Taranto per piü di 3 anni..sempre presidenze a tempo determinato biennale non condente alcun tipo di programmazione. Di riparte sempre ds zero con la presunzione che tutto funzioni e sia vincente dal primo minuto. IL succeddore di Giove se non dovesse vincere al primo colpo secondo voi sarebbe esentato da critiche e piagnistei? Io penso di no.

Scritto il 24 Gennaio 2020 ore 10:59



mandilak


bomber, se ne ha le capacità il pres. giove lo vedremo ed eventualmente gli faremo i complimenti. Ne dubito. Soprattutto perché ha una INSANA VOGLIA di fare il presidente, il direttore generale, il direttore sportivo, l'allenatore e se potesse fisicamente farebbe anche il centravanti. Non è l'unico sia chiaro. Non lo è stato e non lo sarà. Diciamo che è un vizio che hanno avuto tutti i "padroni" del pallone nostrano in questi decenni. Ovvio che poi non si cresce e non si migliora.

Scritto il 24 Gennaio 2020 ore 10:59



alf


Scrivere che la societá é stata venduta a un euro é sbagliato un euro é il valore fittizzio , in realtá chi subentra si fa carico dei debiti e i pagamenti dei debiti non si possono rimandare in eterno e immagino che non sono pochi , se poi un presidente riesce a pagare i debiti e sanare la societá ovviamente non puo rivendere a un euro , adesso non so se Giove ha pagato i debiti tutti o parzialmente e il famoso mutuo o con lui sono aumentati .

Scritto il 24 Gennaio 2020 ore 10:43



vecchiobomber


Il presidente continua a rilasciare dichiarazioni in tutte le salse in cui dice di non mollare. E di riprovarci l'anno prossimo. Veramente un santo martire visto che continua ad immolarsi per i nostri colori. Grazie presidente. Lei è liberissimo di continuare a rimanere al comando della società. Così come la gente è liberissima di rimanere a casa la domenica. E sinceramente ne ha ben donde dopo quest'annata VERGOGNOSA. Poi se lei sarà talmente bravo da mettere in piedi una stagione senza abbonamenti, con molti meno sponsor, la curva vuota, il media partner non in eccellente condizioni ecc...e di fare meglio di quest'anno (in realtà non ci vuole chissà che), allora tanto di cappello. Saremo tutti qui a dirle "Bravo". In bocca al lupo Presidè.

Scritto il 24 Gennaio 2020 ore 10:25



rossoblu82


il cocco la tocca piano...chissà se è solo un suo pensiero...

Scritto il 24 Gennaio 2020 ore 09:40



rossoblu69


Capoccione. Il problema è proprio li'. Ogni anno, al massimo 2, cambiamo presidente e ricominci da capo. Stai tranquillo che anche se ci fosse la fila per acquisire il Taranto, la programmazione in questo modo te la scordi. continuando di questo passo ne passeranno altri 20 di anni. piu' di qualcuno dimentica che il Taranto calcio in questi anni è stato dato più volte ad 1 euro e nulla è cambiato. Forse se avessimo avuto 1 solo presidente negli ultimi 8 anni probabilmente nel bene e nel male qualcosa di positivo sarebbe nato. Forse è proprio questo che è mancato in questi anni. Un presidente che insiste e persiste finchè non arriva agli obbiettivi prefissati, testa bassa e pedalare.

Scritto il 24 Gennaio 2020 ore 09:22



peppba1971


Questo signore ha rotto un po i co.… Cominciamo con il dire che non ho nessun ruolo all’interno della Taranto F.C. 1927. Che non ne ho mai avuti nel passato e che non ne voglio nemmeno avere per il futuro. Questo non toglie che da libero cittadino io possa esprimere i miei pareri ed eventuali “giudizi” sulla gestione di quella società. Su eventi del passato, del presente e del futuro. La mia partecipazione alla trasmissione condotta su JO TV da Goffredo Trombetta? Ci ho messo, come mia consuetudine, la faccia e, di quello che ho detto, me ne assume tutte le responsabilità. Sono amico di Massimo Giove. Ebbene si! Cari “signori” della A.P.S. Taras 1906. Dovete farvene una ragione. Non concedo né a voi né a nessun altro il diritto, la presunzione di intromettervi nei nostri rapporti. Ma chi siete mai, piccoli borghesi che usate in maniera impropria la definizione trust, per arrogarvi il diritto di privarmi della parola. Sono io a diffidarvi dall’usare, nei miei confronti, espressioni denigranti. Fate attenzione con le parole e con le azioni. Perché tutto ha un limite. Per una mia personalissima interpretazione ritengo che gli “anticorpi” se li dovrebbe procurare la Taranto F.C. 1927 nei vostri confronti. I motivi? Tanti. Si perché dovreste spiegare pubblicamente, per esempio, voi che da statuto avreste dovuto rappresentare l’Organo di controllo sulla gestione del club, dove eravate quando chi si è succeduto alla presidenza, prima di Massimo Giove, ”gonfiava”, imperterrito, i debiti del club. Stagione sportiva dopo stagione sportiva. Avevate l’obbligo di intervenire. Non l’avete fatto. Non comprendo pertanto quale sia il peccato commesso quando si asserisce che siete stati complici di gestioni pessime sia dal punto di vista finanziario che sportivo. Si perché il Taranto F.C. 1927 nelle gestioni alle quali avete partecipato (attivamente e/o da controllori) non ha mai vinto nulla e si è indebitato oltre ogni più lecita considerazione. I risultati sono sotto gli occhi di tutti. Che dire poi di quel periodo in cui avete curato la campagna abbonamenti. Ne dobbiamo parlare? Ho detto che Giove ha rilevato da Zelatore e Bongiovanni una società oberata di debiti. La verità! Lo confermano le scritture. Sono situazioni inconfutabili. Oltre a quelli nei confronti dell’erario, di debiti ce n’erano altri, nei confronti di fornitori e banche. Oggi Massimo (del quale, ribadisco, mi onoro di essere amico) li sta onorando tutti. Qual è il vostro problema. Il timore che vengano scoperchiate situazioni da voi trascurate in precedenza? Voi piuttosto, che vi riempite la bocca di parole, cosa avete fatto in favore della Taranto F.C. 1927 gestita da Giove. Quanti imprenditori avete avvicinato al club? Quanti sponsor? Quanti abbonamenti avete fatto sottoscrivere? Quanti ne avete sottoscritti voi? Quanti di tribuna Vip? Quelli di voi che stazionano in tribuna laterale con quale diritto frequentano l’area ospitality riservata alla tribuna d’onore? Quale è stato il vostro contributo in azioni e quale quello in denaro? In definitiva. Al di la delle parole (sempre le solite), quale vorrebbe essere, nel dettaglio ed in “soldoni”, il vostro apporto in riferimento ad un piano industriale, a medio termine, sviluppato dalla Taranto F.C. 1927? Quale l’utilità di avervi partecipi? Spiegatelo, cortesemente, alla città. Ribadisco. Parlo a titolo personale, mai a nome del presidente del Taranto. E me ne assumo tutte le responsabilità. Ci continuo a mettere la faccia. Come ho sempre fatto del resto. Sulla veridicità di quello che ho detto (e che dirò ancora), ove lo desideraste, possiamo sempre fare alla maniera di Pier Capponi quando giunse alle porte di Firenze: “voi suonerete le vostre trombe e noi suoneremo le nostre campane”. Io sono pronto, documenti alla mano. Si potrebbe finalmente fare chiarezza sulle tante contradizioni che alimentano il vostro esprimere. Le vostre azioni. La vostra presunzione. E poi avete il coraggio di dire che volete bene al Taranto. Ma per piacere! Fonte: graffiosulpallone.com

Scritto il 24 Gennaio 2020 ore 09:08



Luca74


Voglio solo fare un appello al sig. Giove: non ascolti chi è solito fare i propri affari, ma ascolti il tifo e la gente. Perché la gente vuole solo il bene del Taranto e lui non può trascurare questo fondamentale elemento.

Scritto il 24 Gennaio 2020 ore 07:18



Luca74


Tonino Palese, quoto e straquoto. Bisogna salvare la categoria sia sul campo che dai tribunali. A salvezza assicurata poi se ne dovrà riparlare.

Scritto il 24 Gennaio 2020 ore 07:16



Tonino_Palese


Mentre qui ci scorniamo, da province limitrofe ci saccheggiano i talenti...Per ottenere la salvezza ed evitare la radiazione a campionato ancora in corso, bisogna vincere qualche partita a partire da domenica prossima e concludere il campionato. Inoltre, non bisogna dare altri vantaggi alle avversarie che già quest'anno ne abbiamo dati a iosa...

Scritto il 24 Gennaio 2020 ore 01:05



alf


Se il propietario consegnasse il titolo al sindaco sicuramente non pagherebbe stipendi ne nulla e neanche le spese correnti , non avremmo i soldi neanche per mandare i giocatori in trasferta ,legittimo e giusto criticare e anche contestare la societá ma questi salti nel buoio sono da irresponsabili , nessuno prenderebbe adesso il Taranto perché fino a Maggio o Giugno ci sono solo spese e tante ... se poi si preferisce sparire é un altro discorso ma in quel caso é una questione soggettiva basterebbe ignorare l'esistenza del Taranto .

Scritto il 23 Gennaio 2020 ore 23:01



johnpetrucci


Certo che non ne va bene una in questa città martoriata. Avrei scommesso per l’ennesimo campionato a -2, -3 dalla vetta, con un po’ di brio. Qualche partita di cartello con un buon pubblico. Ma mai avrei detto che nell’anno di Genchi D’Agostino Guaita Matute Galdean Allegrini (che molti ritenevano forte)..avremmo fatto un campionato così scoglionante. Ah e Ragno in panchina. Ma tutti noi li abbiamo messi i chiodi al signore?

Scritto il 23 Gennaio 2020 ore 22:57



rossoblu82


Angelix...con i debiti che ha questa società é vendibile solo a un euro...ma i costi di gestione saranno a carico di giove fino alla fine e non credo che i tempi siano brevi per l eventuale passaggio di consegne per questo deve mettere in vendita subito in quanto a maggio potrebbe essere troppo tardi...

Scritto il 23 Gennaio 2020 ore 22:00



Nico74


Ma come siete bravi a criticare gli altri, vediamo chi deve prendere la squadra e vincere sicuro il campionato???? Voi che capite tutto di calcio e fate i bonifici a fine mese ai giocatori, staff e fornitori, prendete il taranto, dimostrate che Giove è un incapace. Prendete la società ma fatelo davvero non a chiacchiere con i fatti. Certo che molti di voi criticanti se le cose fossero andate bene, ora stavate gridando " ABBIAMO VINTOOOOO" invece con le cose andate storte e senza rischiare il portafogli gridate "HAI PERSO FALKITO VATTENEEE". Non si vince per forza, non è la fine del mondo non andare in C, ci sono cose più serie in questa città da migliorare subito. Non cambieremo mai noi tarantini, siamo noi stessi la nostra rovina purtroppo.

Scritto il 23 Gennaio 2020 ore 21:10