Go to Top

Guestbook

Aggiorna guestbook       Registrati

Effettua il login per poter scrivere

Registrati



Pietro_Gioia_1


nonnoluigi abbiamo una squadra fortissima, under di valore, un ottimo allenatore. Abbiamo fatto i conti forse con la presunzione, in D conta la cazzima, la lotta , questa squadra può giocare con tanti moduli, un po'sfortuna ha voluto che D'Agostino Guaita Galdean hanno avuto problemi. Genchi non si discute è Peppiniello , Oggiano come Manzo sono in gran forma. Abbiamo Marino e Cuccurullo spettacolo, Sposito un vero portiere, per non parlare di De Caro Benvenga Allegrini.. ecc ecc ecc Dobbiamo semplicemente entrare in campo con tutti i calciatori in forma e tutti con la cazzima di Matute.

Scritto il 17 Ottobre 2019 ore 21:04



nonnoluigi


a bitonto mi piacerebbe una replica tattica di inizio partita di domenica scorsa contro l'altamura...il taranto ..onesto chiarire ha giocato un calcio di ottimo livello nella prima mezzora...nessuno ha acapacità di giocare bene e in maniera piacevole come i rossoblu...quando decide di giocare...no riesce a farlo per lunghi tratti....ma quando gioca è la migliore di tutte...anche il cerignola e il fasano ...danno le stesse sensazioni....altre non saprei ... sono nella media del gioco che può esprimere la quarta serie...allora nicola metta il migliore dei nostri eroi in condizione di fare la differenza....sulla trequarti e impegnando il migliore dei calciatori avversari biason alla sola marcatura ...come nelle tre partite dell'anno passato...il leccese che sarà squalificato il giovane taurino....sistemerà la squadra secondo le sue elementari conoscenze apprese ...con il mono schema tattico 352 ....il trequartista in campo impegnerebbe due marcature di biason e del centrale di difesa...e lascia l'uno contro l'uno tra i due centravanti genchi e favetta con i rispettivi marcatori di difesa....nicola dispone di un centrocampo più vivace e veloce sabato...nicola se " quadra " la difesa in assenza dei tre senatori titolari ....faremo risultato meritato...

Scritto il 17 Ottobre 2019 ore 20:42



Pietro_Gioia_1


La Società dell'Andria si scusa con i propri sostenitori perché ancora un'altra gara sarà disputata in trasferta. Tifosi che hanno ben compreso, e che non stanziano più di due anni in d. A già da noi comanda il c'è me ne futt

Scritto il 17 Ottobre 2019 ore 20:34



nonnoluigi


credo che alla fine si giocherà allo iacovone...con conseguenze e rischi immaginabili al nuovo terreno...per motivi economici per la società di massimo giove ..per motivi di ordine pubblico a trovare una sede adeguata per una tifoseria grande e ingombrante per la categoria.....

Scritto il 17 Ottobre 2019 ore 20:27



Pietro_Gioia_1


Da Trieste a Palermo tutti i campi con risemina sono stati dati a disposizione dopo 30 giorni, spero che la Società faccia un salto di qualità

Scritto il 17 Ottobre 2019 ore 20:21



nonnoluigi


Linea_Ventidue ...che scrive poco ma legge tanto ...sono d'accordo su uno stadio intorno a 15 mila spettatori...da costruire intorno al terreno di gioco attuale in erba naturale....ho avuto la possibiltà di giocare sull'asfalto come tenti ragazzi...su terra battuta su erba sintetica e erba naturale...personale parere le giocate che fai sull'erba naturale in buono stato non le puoi fare su altri materiali....preferisco l'erba naturale...sono un tradizionalista...non sono d'accordo sul campo b...il criterio tecnico utilizzato per il campo b è il migliore...si poteva fare solo in erba sintetica perchè il campetto all'ombra della gradinata è usato in maniera intensiva....da sempre...lo usano gli allievi ...la primavera ...o beretti o juniores secondo la categoria a cui partecipiamo...in allenamento e gare ufficiali...e anche la prima squadra in allenamento ...specie nei periodi di pioggia intensa......è un terreno utilizzato sette giorni su sette...un manto naturale puo essere sfruttato solo per medie annuali stabilite...non tanto e non troppo e non a piacimento...il campo di erba sintetica rende tutto il gioco veloce e drenante....ma è la resistenza il motivo perchè è preferito al tradizionale ....per la manutenzione anche il campo in erba sintetico utilizzato nei tornei ad alto livello necessita di manutenzione...va pulito e spazzolato...un campo sintetico è come fare l'amore col preservati vo .....ti toglie sensazioni primordiali...

Scritto il 17 Ottobre 2019 ore 20:20



Pietro_Gioia_1


Quanto provincialismo..bisognerebbe uscirne fuori, qualcuno scriveva che non si chiede al Martina perché le tifoserie..ma che tifoserie e tifoserie io vado volentieri a Martina. Mi dispiace che Romanzini la pensi diversamente, ma è radicato in noi la mentalità dilettante.

Scritto il 17 Ottobre 2019 ore 20:19



Romanzini


Io sono d'accordo con Elco. Da abbonato non è giusto essere danneggiati da una gara casalinga da giocare in campo neutro, e mi sentirei doppiamente danneggiato se si istituisse la giornata pro-Taranto con abbonamenti non validi per una gara in campo neutro. Se è possibile giocare a Taranto, si deve giocare a Taranto, stop. Ovvio che ci sia stata carenza di manutenzione del terreno di gioco quando poteva e doveva essere fatta (da metà maggio a metà agosto, tre mesi pieni...) ma oggi ci sono le possibilità, come si è sempre fatto, di sistemare il terreno tra una gara casalinga e l'altra, approfittando del tempo bello e clemente e di nuove tecniche, oltre che di gente (mi auguro) competente.

Scritto il 17 Ottobre 2019 ore 19:38



Luca74


Poi è ovvio che se si può veramente giocare allo Iacovone senza creare danni, allora tanto meglio.

Scritto il 17 Ottobre 2019 ore 19:22



Luca74


Non ritengo saggio giocare allo Iacovone il 27 con il rischio di rovinare tutto i lavoro fatto. Per me Martina Franca tutta la vita. Con i 5.000 di Martina garantiamo l'ingresso ai soliti 3.500 che potrebbero pure aumentare in caso di risultato a Bitonto. Tra l'altro, Martina Franca la conosciamo come le nostre tasche, il campo è praticamente all'ingresso a poche centinaia di metri dalla via Taranto e sarebbe pure l'occasione per farsi una bella passeggiata e mangiata. E non credo che la tifoseria martinese si metta a fare la stu.pida.....prenderebbe tanti di quei calci nel cu.lo.....

Scritto il 17 Ottobre 2019 ore 19:17



Pietro_Gioia_1


* mentre altrove sono..

Scritto il 17 Ottobre 2019 ore 17:45



Pietro_Gioia_1


Linea_Ventidue anche io lo seguo da circa 40 anni, però i tempi sono cambiati un po' ovunque, tranne dalle nostre parti..dove i terreni in buona percentuale sono in erba sintetica..

Scritto il 17 Ottobre 2019 ore 17:45



Linea_Ventidue


Seguo il Taranto da 40 anni e conosco bene le dinamiche di questa città. Quanto al terreno di gioco dello Iacovone... Erba vera tutta la vita !!!

Scritto il 17 Ottobre 2019 ore 17:38



Pietro_Gioia_1


Linea_Ventidue diciamo che nelle giornate più emozionanti il Taranto ha portato allo stadio circa 10 mila spettatori parliamo di serie D..non oso immaginare nelle categorie più alte. Per quanto concerne il campo in erba sintetica, soprattutto quelle di ultima generazione non danno gli stessi problemi scivolosi riscontrati in passato, ormai tutte le squadre hanno uno stadio con terreno in erba sintetica. Concordo su un punto, anche il terreno dello Iacovone fa rifatto in erba sintetica.

Scritto il 17 Ottobre 2019 ore 17:33



Linea_Ventidue


Scrivo poco ma leggo tanto. A proposito di terreni di gioco, mi piacerebbe sapere con quale criterio tecnico si é fatta la scelta di fare il campo B in erba sintetica. Mi chiedo come una squadra possa allenarsi durante la settimana su un sintetico e giocare la domenica sull erba naturale. Oltre ai diversi tipi di velocità di palleggio, credo ci possano essere anche rischi di infortuni. Mi piacerebbe sapere che ne pensano anche i quadri tecnici di questa ipotesi futura. Quanto allo stadio per me sono solo soldi buttati da anni. Lo Iacovone va rifatto ex novo. 15/18 Mila spettattori. Pochi ma buoni SFT

Scritto il 17 Ottobre 2019 ore 17:27



Pietro_Gioia_1


alf a Martina Franca i lavori sono terminati a settembre, tutto messo a norma, anche terreno tutto.

Scritto il 17 Ottobre 2019 ore 17:12



Pietro_Gioia_1


l'impresa esecutrice del ripristino del manto erboso è stata chiara, la prossima settimana faranno le ultime operazioni sul terreno e siamo dopo il 20, poi 30 giorni affinchè l'erbetta cresca bene, giocare il 27 metterebbe il tutto a serio rischio , altro che partita del cuore a dicembre lo ritrovano di nuovo in terra battuta

Scritto il 17 Ottobre 2019 ore 17:10



alf


Pietro_Gioia_1 la tribuna del Tursi era chiusa lo scorso anno per inagibilitá , non so se l'hanno riaperto ma non credo .

Scritto il 17 Ottobre 2019 ore 17:09



Pietro_Gioia_1


ma è tanto difficile chiedere Martina?

Scritto il 17 Ottobre 2019 ore 16:58



angelix0374


nonno Castellaneta così come Francavilla potrebbe non essere possibile farla perchè a castellaneta non garantiresti nemmeno gli abbonati che sono più di 1700....a Francavilla corri il rischio di poter mettere a disposizione dei tifosi solo 200 biglietti ...e se poi per vari motivi gli abbonati non vanno in trasferta che fai giochi con 5/600 spettatori??? l'unica soluzione , secondo me sarebbe l'inversione della sola partita del Gladiator e così si giocherebbero solo TRE partite in trasferta consecutive e non CINQUE (4 non ci azzecca nulla caro Colosseum)....quella contro la Gelbison prevista x il 10 novembre dovrebbe essere possibile giocarla in casa con l'erba bella alta....oppure indire la giornata Pro-Taranto a Francavilla così abbonamenti non validi e chi ha la possibilità si arma di pazienza e si sobbarca la trasferta (con biglietti meno onerosi per ovviare al disagio dei tifosi)...l'incasso di quei 5/6k in meno dovrebbero essere a carico del Comune come sconto sui fitti dovuti...

Scritto il 17 Ottobre 2019 ore 16:52



alf


x Elco :Io non sono giardiniere quindi non ti so dire perché é in queste condizioni , anche gli anni scorsi fu fatta la rizollatura tra una partita e l'altra e non era affatto un tappeto verde, tanto che sia Panarelli che capitan D'Agostino si sono piú volte lamentati e hanno dato la colpa dei tanti infortuni al terreno quest'anno per la verita é peggioratoi di molto , detto questo io come tanti altri fuorisede abbiamo contribuito a che si arrivasse a quei 1.800 abbonamenti e personalmente non ho nessun interesse a vedermi la diretta tanto in serata me la vedo e con meno stress posso godermela meglio ... il mio unico interesse é il Taranto e a detta di molti compresi l'allenatore e i giocatori questo terreno in queste condizioni non ci da nessun vantaggio , anzi sembra essere diventato un grosso problema ,e se non lo é almeno eliminiamo l'alibi , e per ultimo basta fare una ricerca su internet e ovunque da Cosenza a Padova parlano di 30-40 giorni per il terreno di gioco non solo ad Andria .

Scritto il 17 Ottobre 2019 ore 16:45



nonnoluigi


Castellaneta è una buona soluzione ...in provincia ...tranquilli ........in un campo dove si allenano ....a Castellaneta si trova ovunque la birra raffo ...

Scritto il 17 Ottobre 2019 ore 16:38



nonnoluigi


Non trova pace ...il terreno dello iacovone ...da qualche anno e peggiora sempre con interventi non risolutivi ....domenica era al limite della praticabilità ....se sarà possibile certo giocare allo iacovone senza danni "collaterali " .... è già una risoluzione del problema ....altrimenti uno stadio in provincia o vicino per lo spostamento di massa ..... perché non si tratta di spostare i soliti 200 o 300 trasfertisti ...ma un numero maggiore ...trovare uno stadio ....almeno soddisfacente al numero degli abbonati ....

Scritto il 17 Ottobre 2019 ore 16:33



Pietro_Gioia_1


Elco51 quindi sei stato soddisfatto del gioco della squadra? pare che il terreno limitasse il tasso tecnico della squadra. Ora per avere un biliardo come dici tu è necessario che i lavori siano effettuati a dovere e nei tempi giusti. Preferisco una gara a campo neutro piuttosto che avere dopo qualche mese un terreno di nuovo di patate.

Scritto il 17 Ottobre 2019 ore 16:06



Elco51


Angelix non l’ho scritto io che si era contenti perché sicuramente ci sarebbe stata la diretta. Molti ci rimarranno male. Io da abbonato che ha investito pretendo che si giochi dove si deve giocare. Alf il nostro campo è sempre stato perfetto. Solo da qualche anno si presenta in queste condizioni perché lo si trascura in estate. Scommettiamo che a novembre sarà un biliardo? Forse guardiamo il problema da due prospettive diverse, io da quella di un abbonato tu forse da fuorisede (forse). Ma perché prima dell’inizio della stagione si contano con orgoglio giorno dopo giorno a quanti abbonamenti si è arrivati ? Mentre subito dopo ci si scorda dei diritti di quei 2000 fessacchiotti che “Ancor appress’ a u Tard Ve’ “ io per amore della mia squadra avrei fatto no 40 km per andare a Francavilla, ma pure 400 per andare dove dobbiamo andare (cit.Toto’). Ma se il comune fa quello che di sua competenza e lo fa bene, beh allora non mi rompete e sciucame addo’ amma sciucà!!!!

Scritto il 17 Ottobre 2019 ore 15:58



Colosseum


Inversione di campo? Vuol dire giocare 4 partite consecutive fuori casa. Non scherziamo.... campo neutro va bene. No Martina e no Lecce.. campi ostili. Francavilla Fontana l’ideale. La situazione a Gallipoli com’è?

Scritto il 17 Ottobre 2019 ore 15:55



angelix0374


guardate che la richiesta di inversione campo non è del tutto peregrina, basta avere l'assenso della squadra ospitante (un pò come avviene per il cambio orario, tant'è che il modulo che ho scaricato è lo stesso.....) perchè non provare a fare questa mossa???

Scritto il 17 Ottobre 2019 ore 15:53



rossoblu82


Per me almeno una partita va giocata in campo neutro x avere un terreno perfetto in futuro...non credo sia consigliato per una perfetta riuscita del lavoro giocarci sopra dopo meno di una settimana dalla risemina che mi sembra non sia stata ancora fatta...

Scritto il 17 Ottobre 2019 ore 15:47



alf


Elco51: e infatti l'ho scritto ieri noi siamo furbi e ad Andria una massa di fessi o forse da noi l'erba cresce e si consolida in tempi piú brevi , vero che si fa come dici tu, e infatti sono anni che il campo di gioco fa schifo , poi la diretta TV... basta non farla anche perché non é prevista , e speriamo che non piova o quel campo sara buono solo per Mud wrestling

Scritto il 17 Ottobre 2019 ore 15:39



angelix0374


Elco..che discorsi del kaiser che fai....bisogna sperare di giocare in campo neutro solo per vedere la partita in TV???....ma daiiii molto meglio vederlo dal vivo dallo stadio lo spettacolo...anche se la vede come missione impossibile nonostante la presenza di Oronzo (e non Osvaldocome qualcuno ha scritto)....secondo quanto detto da un responsabile della ditta che sta facendo i lavori lo Iacovone sarà riutilizzabile tra un mese o poco prima....si è sicuri che non si possa chiedere l'inversione della gara col Gladiator???

Scritto il 17 Ottobre 2019 ore 15:28



Elco51


Ogni anno si è fatta la risemina ed aggiustato il manto bei 15 gg tra la partita in casa e quella fuori. Quest’anno invece dovevamo copiare per forza l’Andria . Ok bene così si giochi allo Iacovone si rispettino gli abbonati e chi sperava nella diretta tv, beh si accontenti della radio e Amen.

Scritto il 17 Ottobre 2019 ore 15:22



alf


Io penso che dovrebbero fare il lavoro per bene e non come sempre alla [non consentita] di segugio , a questo punto giocassero a Grottaglie anche se non in buone condizioni sara sempre meglio che distruggere il lavoro fatto , poi 2,400 posti il D'Amuri piú che sufficienti visto che allo Iacovone ormai ci vanno scarsi 3.000 persone .

Scritto il 17 Ottobre 2019 ore 15:11



binariotroncocannata


l'ideale sarebbe a porte chiuse al Vivere solidale di paolo sesto.tanto da fuori la recinzione e su i balconi dei palazzi intorno si vede tutto

Scritto il 17 Ottobre 2019 ore 15:06



Pietro_Gioia_1


ma giochiamo a Martina..5000 posti e finiamola qua, non è possibile distruggere il lavoro per giocare dopo 10 giorni suvvia qualcuno lassù parli con l'amministrazione che deve saper spendere ma bene!

Scritto il 17 Ottobre 2019 ore 15:02



Pietro_Gioia_1


una battuta ma...le linee di campo visto che le hanno tolte allo Iacovone per livellare e togliere l'erbaccia..possono farle rosso e blu? 🙂

Scritto il 17 Ottobre 2019 ore 15:00



angelix0374


Si sta ipotizzando di far giocare il Taranto domenica 27 allo Iacovone....bah..... se credete ai miracoli fate pure...tra 10 gg, se ci sarà, sarà un'erbetta tenera tenera che ai primi calci e passaggi sarà distrutta e si dovrà partire ex-novo con una risemina...soldi pubblici gettati dalla finestra...invece perchè non giocare a Francavilla F. indendo la giornata Pro Taranto?? ci sarebbe un danno economico alla società ma potrebbe essere attutito da uno sconto sul fitto dello stadio stesso...in fondo è colpa dell'Amministrazione locale se siamo arrivati a sto punto....l'alternativa da poter prendere in considerazione è chiedere di poter giocare al Via del Mare il 27 (tanto il Lecce gioca sabato 26 con la Juventus).....

Scritto il 17 Ottobre 2019 ore 14:56



Pietro_Gioia_1


alf ho visto un Patierno goffo e fuori condizione, secondo me il punto di forza del Bitonto è il centrocampo Marsili Biason

Scritto il 17 Ottobre 2019 ore 13:48



nonnoluigi


il punto debole dei giovani allenatori...il mono tattica...

Scritto il 17 Ottobre 2019 ore 13:37



alf


Sicuramente ci schiereremo a specchio 3-5-2 , comunque viste le difficoltá la forza dell'avversario che in atacco fa propio paura e alcuni giocatori ancora non in condizioni un pareggio non sarebbe da buttare .

Scritto il 17 Ottobre 2019 ore 13:37



nonnoluigi


taurino gioca sempre con il 352 ...anche sabato...

Scritto il 17 Ottobre 2019 ore 13:32



rossoblu82


il comune andrebbe citato ai danni dalla società (che dovrebbe pagare un canone di affitto) per le condizioni in cui è stato ridotto il manto erboso dello iacovone e per la mancata manutenzione da parte della ditta a cui era stato affidato l'appalto...per rimetterlo a posto hanno dovuto richiamare lo storico giardiniere osvaldo ormai in pensione...che squascio...

Scritto il 17 Ottobre 2019 ore 13:02



nonnoluigi


... " contro l'Altamura ho chiesto soprattutto i tre punti. Mi hanno preso un pò alla lettera " .....forte NICOLA....

Scritto il 17 Ottobre 2019 ore 12:55



nonnoluigi


Eziolino è sempre Eziolino ...

Scritto il 17 Ottobre 2019 ore 12:52



Taras1970


non ho scritto kaiser, ho scritto il termine scientifico, a dai!!!! 🙂

Scritto il 17 Ottobre 2019 ore 12:47



Taras1970


o chi riporta le notizie le riporta a [non consentita] di bau bau.... almeno uno dei due riporta un dato falso... e comunque il campo di Francavilla è omologato per 2000 posti per i casalinghi e tribuna per ospiti pari a 500 unità...

Scritto il 17 Ottobre 2019 ore 12:46



alf


Certo che Montella é uno dalle idee chiare ...

Scritto il 17 Ottobre 2019 ore 12:32



Taras1970


Da GiornaleRossoBlu: Un nuovo ostacolo si frappone sulla strada del Taranto. Come se non bastasse la situazione del cantiere del campo B con i lavori che si protraggono a rilento nelle scorse ore si è diffusa la notizia che a causa della risemina del manto erboso del campo A gli ionici saranno costretti a migrare almeno per un turno di campionato. È quanto si evince direttamente dalle parole del direttore generale Gino Montella: “Abbiamo iniziato la risemina del campo che versa davvero in condizioni pietose. Adesso sarà necessario che lo stesso non venga calpestato per almeno venti giorni. Abbiamo voluto cominciare i lavori con qualche giorno di anticipo rispetto alla data prefissata per non perdere ulteriore tempo. Sicuramente dovremo disputare la gara con il Gladiator in campo neutro ma contiamo di stare lontani dallo Iacovone solo per una partita.” Vi siete già attivati per la ricerca di una struttura che possa ospitarvi? Non era possibile effettuare la risemina e continuare comunque a giocare come è stato fatto in passato? Si, ci siamo attivati richiedendo la disponibilità dell'impianto di Francavilla Fontana che tra le altre cose disputa anche la Lega Pro. Ci dispiace per i tifosi ma non si poteva continuare a giocare su questo campo buttando semplicemente del terreno su radici usurate. Bisogna estirpare quelle esistenti rivoltando il terreno. Quest'ultimo ha bisogno di un poco di riposo. Tra l'altro adesso saremo completamente senza un posto dove allenarci vista la situazione del campo B. Non faccio polemica con nessuno; questa situazione sicuramente è derivata da una manutenzione approssimativa da parte di chi aveva in gestione prima la cura del manto erboso. A proposito di campo B invece, com'è la situazione? Quando pensa che si potrà avere il campo almeno con la posa del tappeto in modo da potervi allenare? Non vorrei fare previsioni che poi vengono puntualmente disattese. Diciamo che a mio avviso non verranno completati i lavori per fine ottobre ma per la prima decade di novembre dovremmo avere il campo a disposizione con la possibilità di poter poi completare la struttura. Al momento ci interessa il campo per poterci allenare. Passando al calcio giocato, domenica c'è stata una vittoria preziosa anche se giunta attraverso un gioco non eccezionale. Ci sono state delle critiche ma il Taranto è vivo e compatto.. Vista l'importanza della posta in palio penso fosse impossibile vedere un bel gioco. Era importante la vittoria ed è arrivata. Nel primo tempo ci siamo espressi anche discretamente. Poi abbiamo sofferto, questo è vero, ma bisogna considerare tutto quello che è successo a questa squadra in questi ultimi venti giorni, fra infortuni, squalifiche e partite perse all'ultimo. I ragazzi hanno reagito bene, ora continuiamo su questa strada. Sabato ci sarà il Bitonto nell'anticipo inconsueto, si tratta di una sfida con una diretta concorrente. Che partita sarà? Una partita importante contro una squadra che ha grosse individualità ma noi non siamo da meno. Continuiamo a tenere alto il livello di concentrazione e sono sicuro che faremo un'ottima prestazione. Cosa ci dice sulla trasferta? Sarà consentita ai tifosi del Taranto? In un primo momento la Prefettura si era detta disponibile alla trasferta dei nostri tifosi con un numero di cento unità. In questi giorni però non abbiamo ricevuto comunicazioni e questo non è un buon segnale. Domani comunque dovremo sapere per forza qualcosa. Purtroppo noi nelle scelte delle istituzioni non possiamo entrarci.

Scritto il 17 Ottobre 2019 ore 12:31



rossoblu82


Venivamo da due sconfitte consecutive e il ko contro il Sorrento ci ha danneggiato molto facendoci giocare a Foggia con uno stato d'animo particolare" - ha dichiarato il tecnico rossoblù Nicola Ragno a TRB Channel - "da Foggia, poi, potevamo anche uscire con un risultato positivo ma per un errore e per un pò di inesperienza non ci siamo riusciti. Dopo tutto questo, consapevole che lo stato d'animo di giocatori non fosse al top, contro l'Altamura ho chiesto soprattutto i tre punti. Mi hanno preso un pò alla lettera, anche se nel primo tempo abbiamo offerto una buona prestazione per poi essere un pò frenati a livello psicologico nella ripresa. Questa vittoria ci ha consentito di vivere una settimana più tranquilla". "Non sono preoccupato, lo sarei se avessi un gruppo che non mi segue" - ha aggiunto il tecnico rossoblù - "i fischi di domenica? Nel calcio c'è sempre da imparare, onestamente non mi è mai successo di essere fischiato dopo una vittoria ma ci farà crescere anche questo. I tifosi avranno le loro motivazioni, dipendenti anche dalle delusioni degli ultimi anni. Questa è una piazza che ha visto tanta Serie B ma purtroppo, negli ultimi anni, anche la Serie D. Qui c'è amarezza e delusione ma secondo me bisogna cercare di lasciare i ragazzi tranquilli. Noi continuiamo nel nostro percorso, convinto che più in avanti le cose andranno meglio. La situazione non è tragica, abbiamo solo 3 punti dal primo posto e la distanza è recuperabile. Non vedo crisi". Con il mister si rivivono le esperienze vincenti di Bisceglie e Potenza, con la speranza di vivere a Taranto lo stesso finale di quelle due annate. "Quando mi imbatto in qualche situazione difficile, penso sempre a come ho agito in passato, nei miei 23 anni di carriera, in situazioni simili. Ma ogni campionato è comunque diverso dagli altri. Bisceglie? Siamo partiti in ritardo, il 31 Luglio. Fui contestato dopo la terza giornata dopo il ko contro il Gravina e poi anche alla settima e all'ottava giornata. Creammo una bella squadra prendendo quello che il mercato ci offriva. Il presidente Canonico ebbe fiducia in me e alla fine rincorrendo per tutto il campionato riuscimmo a vincere. A Potenza? C'era un progetto ambizioso ma accadde una cosa diversa rispetto Bisceglie. Uscimmo subito dalla Coppa Italia ma in campionato vincemmo 7 gare su 7 e conquistammo subito il primo posto. Perdemmo la vetta verso Dicembre e poi vincendo a Taranto, che ricordo ancora come tappa fondamentale per quel campionato, e con il ko della Cavese ritornammo primi per poi non lasciare più quella posizione di classifica". Per adesso stiamo assistendo ad un campionato equilibrato. Cosa serve al Taranto? Serenità e meno pressione. "Analizzando il campionato, non c'è nessuno che per ora potrà rimanere in vetta per più giornate di fila. Questo equilibrio andrà avanti ancora per un pò, fino a quando non uscirà la qualità delle squadre che conosciamo. Poi i risultati e le statistiche rispecchiamo sempre i valori in campo e se, per esempio, il Fasano ha 15 punti in classifica, significa che li ha meritati. Il campionato lo vincerà chi riuscirà a gestire meglio le varie situazioni difficili che ti capiteranno nel corso dell'annata. Dopo i fischi di domenica scorsa, ho detto ai miei ragazzi di farli diventare applausi il prima possibile. Con loro io mi confronto sempre, sono un gruppo coeso e sano. Adesso serve solo un pò di serenità in più e meno pressione. Abbiamo un unico obiettivo e fare bene qui significa aver fatto qualcosa di grandioso. Vincere in questa piazza è difficile ma è un'impresa che possiamo raggiungere". Il mercato di Dicembre sarà una tappa fondamentale? "Su questo argomento ho parlato già con i miei ragazzi, dicendogli che difficilmente commetto un errore scegliendo dei calciatori. Parlando delle mie esperienze passate, a Potenza e a Bisceglie, nel mercato di Dicembre abbiamo preso solo un nuovo giocatore senza mandare mai via nessuno. Vorrei fare lo stesso qui a Taranto. Dai miei ragazzi pretendo delle grandi prestazioni perchè, come ho riferito direttamente a loro, al momento non si stanno esprimendo per come li conosco io. Poi per quanto riguarda il mercato, bisognerà vedere cosa pensa la società". Sabato pomeriggio il Taranto è impegnato in casa del Bitonto. "Sabato si va a Bitonto per fare la partita della vita, da grande squadra e con personalità. Loro avranno paura di noi perchè sanno che avranno di fronte una squadra di qualità. Andremo lì con molto rispetto perchè sappiamo che anche loro puntano a vincere, ma ai miei ragazzi ho chiesto la stessa prestazione di Casarano e Foggia, cercando di ritornare a casa con un risultato positivo".

Scritto il 17 Ottobre 2019 ore 12:14



rossoblu82


DA MRB...Ieri sembrava impossibile, ma oggi la società, nella persona del DG Gino Montella ci fa sapere che la gara interna contro il Gladiator sarà disputata con ogni probabilità allo Iacovone. Lo stadio di Francavilla infatti, indicata come probabile sede per Taranto – Gladiator, ha una capienza omologata inferiore al numero degli abbonati al Taranto e quindi non idonea ad ospitare la sfida tra rossoblù e nerazzurri. Comune e società, quindi, stanno facendo tutto il possibile per riportare il manto erboso dello stadio Iacovone a livelli ottimali e permettere alla squadra di mister Ragno di non “emigrare” in altri impianti. Continua perciò nel solco della migliore sinergia il rapporto tra Taranto FC e Amministrazione Comunale; rapporto che sta portando i suoi frutti nonostante i "normali" intoppi nel lavoro della complessa macchina amministrativa.

Scritto il 17 Ottobre 2019 ore 12:09



alf


A Francavilla Fontana simpatizzano per il Taranto , quindi tifoseria tutt'altro che ostile , questione manto erboso mi auguro che facciano un bel lavoro ma ho grossi dubbi che sia cosi , é un terreno di gioco da rifare non solo riseminare , con il tempo si dovra pensare a un terreno in erba artificiale di ultima generazione ,abbatti i costi che sono molto alti e con pochi soldi di manutenzione e un solo giorno di lavoro é sempre in ottime condizioni , ormai sono anni che il terreno dello Iacovone fa schifo ,senza contare le spese e i mancati incassi che deve affrontare la societá , e per ultimo ma non meno importante non ha senso allenarsi in un campo con erba artificiale campo B per poi giocare su un campo in erba naturale abbastanza irregolare quindi un cambio netto sarebbe opportuno .

Scritto il 17 Ottobre 2019 ore 11:06